Gaetano Cunsolo (1986) si laurea prima all'Accademia di Belle Arti di Firenze e in seguito presso il Master di Arti Visive e Studi Curatoriali alla NABA, Milano. Al momento insegna disegno e scultura a FUA (Florence University of Arts). Attraverso  installazione, performance, disegno, scultura e video, il suo lavoro si compone di indagini e ricerche estetiche sempre attente ai modelli relazionali, alle connessioni con la sfera pubblica e allo spazio architettonico. Tra le tante mostre e progetti cui ha preso parte, Gaetano Cunsolo è attualmente fra i vincitori di "LiveWork Performance Award Vol.5", presso Centrale FIES, Trento, Italia, 2017 e in preparazione di una personale presso "Primo Piano", a cura di Theo Maria Coppola, Parigi, Francia, 2017. Il suo lavoro è stato recentemente esposto al Museo Pecci, "This is the End" a cura di Elena Magini, Prato, Italia, alla Galleria di Arte Moderna e Contemporanea di Roma, "Sensibile Comune" a cura di Ilaria Bussoni, Nicolas Martino e Cesare Pietroiusti, Roma, Italia, 2017 e alla Triennale di Milano, "The Great Learning, a cura di Marco Scotini, Milano, Italia, 2017.

 

Nella sua pratica artistica l'interesse si è rivolto da subito verso l'architettura, lo spazio pubblico e i sistemi di produzione. I suoi lavori, attraverso l'uso di linguaggi differenti come fotografia, video, scultura e disegno, sono sempre stati tentativi di costruire nuove narrazioni dello spazio pubblico e dei comportamenti delle persone. Ha sempre provato a capovolgere modelli e attitudini dell'abitare lo spazio che abitiamo. Una continua re-progettazione degli spazi, delle relazioni e della politica delle cose.

 

In questi ultimi due anni di lavoro Cunsolo si è focalizzato sulle possibilità del gesto architettonico. Nei lavori più recenti muove l'attenzione sulle pratiche dell'architettura spontanea e dell'auto-costruzione. Inevitabilmente la sua ricerca è partita dallo scarto dei processi produttivi istituzionali, in quelle aree dedicate alle industrie e alle catene produttive. Tutte queste aree, che circondano solitamente le grandi città, sono invase da baracche, orti, pollai, strane officine o in generale da strutture non bene definite e a prima vista pericolanti. Tutte queste strutture sono spesso fatte da operai e piccoli contadini in pensione, che in un certo senso hanno costruito il loro rifugio, ridefinendo il loro spazio vitale. Combinazioni imprevedibili di materiali, risposte istantanee a problemi strutturali e soluzioni accidentali, generano nuovi modelli produttivi e insolite soluzioni architettoniche. Penso sia come una sorta di produzione parallela che emerge nei vuoti, dagli scarti e dalle rovine dei processi produttivi istituzionali.

 

 

Formazione

 

2014

Master Arti Visive e Studi Curatoriali, NABA (Nuova Accademia di Belle Arti Milano), IT.

2011

Diploma di Laurea Quadriennale In Scultura, Accademia di Belle Arti di Firenze, IT.

2010

Semestre di studi presso Minneapolis College of Art and Design, Minneapolis, USA.

 

Mostre personali (selezione)

 

2017

Gaetano Cunsolo, a cura di Theo-Mario Coppola, Primo Piano. Parigi, Fr (Ottobre).

Performance all'interno del programma "This is The End", a cura di Elena Magini, Museo Pecci, Prato, IT.

2016

Accidental Solutions con Chiara Bettazzi, a cura di Alessandro Gallicchio, NESXT Festival, Torino, IT.

In War / In Peace, a cura di Pietro Gaglianò, Borgo del Ponte, Massa, IT.

2012

Portfolio a cura di Pietro Gaglianò, EX3 Centro per l'Arte Contemporanea, Firenze, IT.

2011

On the Ideology of Snow: Shifts (Part 1), con Jennifer Danos, Kiehle Gallery, St. Cloud, USA.

On the Ideology of Snow: Shifts (Part 2), con Jennifer Danos, Dressing Room, Minneapolis, USA.

 

 

Mostre collettive (selezione)

 

2017

The Great Learning, a cura di Marco Scotini, Triennale di Milano, Italia.

Sensibile Comune, a cura di Ilaria Bussoni, Nicolas Martino e Cesare Pietroiusti, Gnam, Roma, IT.

2016

STUDI, open studio degli artisti di SC17 e i borsisti di Villa Romana, SC17, Prato, IT.

TU35, seconda edizione, Officine Giovani, Talents Under 35, Museo Pecci, Prato, IT.

Learning from Lascaux, a cura di Fabio Carnaghi, Museo della Preistoria Paolo Graziosi, Firenze, IT.

Ambienta, a cura di Giacomo Zaganelli, Roccamare, IT.

In-Memori, a cura di Carles Marco and Paola L. Cioncolini, Ex Officine Metalmeccaniche, Montevarchi, IT.

2015

Vitrine a cura di Trial Version, Spela Zidar e Pietro Gaglianò, Officina Giovani, Talents Under 35 prima edizione, Museo Pecci, Prato, IT.

Florenz Contemporary, a cura di Angelika Stepken, Ambasciata Italiana di Berlino, GER.

Walking On the Planet, a cura di Pietro Gaglianò, Casa Masaccio, San Giovanni Valdarno, IT.

2014

Premio FAM, Officine Chiaramontane, Agrigento, IT.

Prato Sarajevo Art Invasion, Museo Pecci, Prato, IT.

Right Before I Was, a cura di Lucia Giardino, FAIR, Firenze, IT.

2013

Disumanesimi, a cura di Marco Scotini, Biagiotti Progetto Arte, Firenze, IT.

Madeinfilandia 2013, esposizione di fine residenza, Pieve a Presciano, Arezzo, IT.

La Mala Educaciòn, a cura di Pietro Gaglianò, Biagiotti Progetto Arte, Firenze, IT.

2012

Dalla Memoria alla Materia, a cura di Andris Brinkmanis, Quartiere Umanitaria, Milano, IT.

2011

The Wall (Archives) #1-#10, un progetto di Pietro Gaglianò, Firenze, Roma, Bologna, Lecce, Santa Croce sull'Arno, Luxembourg, Cosenza, Cremona, Pergola, Milano.

The International, a cura di Liv Taylor and Rosie Ashley, MCAD, Minneapolis, USA.

2010

Storie dai Margini, a cura di Pietro Gaglianò, Teatro Studio Scandicci, Firenze, IT.

Sul Disegnare, a cura di Lorenzo Bruni, Galleria Via Nuova, Firenze, IT.

Colors and Colori, a cura di Angela Nocentini e Edoardo Malagigi, FAF, Firenze, IT.

 

Residenze

 

2017

Live Work Performance Act Award Vol.5, Centrale FIES, Trento, IT.

2016

Residenza per Cantieri Aperti Festival, Borgo del Ponte, Massa, IT.

2015

Walking on the Planet, Casa Masaccio, San Giovanni Valdarno, Florence, IT.

2013

Madeinfilandia 2013, Pieve a Presciano, Arezzo, IT.

 

Premi e borse di studio

 

2017

Live Work Performance Act Award Vol.5, Centrale FIES, Trento, IT.

2011

Borsa di Studio per il Master di Arti Visive e Studi Curatoriali, NABA (Nuova Accademia di Belle Arti di Milano), IT.

2010

Borsa di Studio Honor exchange, Minneapolis College of Art and Design, Minneapolis, USA.

 

Insegnamento

 

2017

Dal 2014 a oggi, professore di Disegno e Scultura al Florence Univesity of Arts, Firenze, IT.

2012

Assistente ai supporti multimediali, Accademia di Belle Arti di Firenze, IT.

Pomeriggi in Città, workshop, Fabbrica Europa, Firenze, IT.

2010

I bambini costruiscono i Ponti workshop, scula elemntare di Vibo Valentia, IT.

Assistente alla classe di Anatomia, (2009/2010), Accademia di Belle Arti di Firenze, IT.

 

Altre esperienze

 

2014

Assistente dell'artista Petrit Halilaj, Villa Romana, Firenze, IT.

2013

Disobedience Archive, a cura di Marco Scotini, assistente agli allestimenti, Castello di Rivoli, Totino, IT.

2012

Documenta 13, assistente degli artisti Ayreen Anastas and Rene Gabri, progetto And And And..., Kassel, Ger.

2006/2009

Lavorazione e ritocco cere e addetto alla formatura, Fonderia Art'ù, Firenze, IT.

2007

Assitente presso studio d'arte Fantasy Fountain Fund, Inc, New York, USA.