PIANO PIANO MATTEO NEGRI - Venerdì 11 Novembre alle ore 18.30, ABC-ARTE, Via XX Settembre 11/A Genova

Mur Mur Of Art, Mur Mur Of Art, November 11, 2016

Clicca per ingrandire

 

MATTEO NEGRI | PIANO PIANO 
a cura di Alberto Fiz 
intervento critico di Lorenzo Bruni. 
Venerdì 11 Novembre alle ore 18.30, ABC-ARTE inaugura la mostra 
personale di Matteo Negri: “Piano Piano”, a cura di Alberto Fiz, con 
l'intervento critico di Lorenzo Bruni. 
Il titolo Piano Piano riassume in sé i concetti fondanti della ricerca 
elaborata dall'artista, il rapporto tra l'individuo e lo spazio rispetto 
ai lavori che includono l’osservatore, determinandone lo spaesamento 
percettivo. Nel titolo della rassegna la parola ‘Piano’ è ripetuta, così 
come si susseguono le immagini dell'ambiente che si rifrangono sulle 
superfici traslucide delle opere plastiche. 
L'artista ha ideato, per gli spazi della galleria, opere ed 
installazioni ambientali che hanno lo scopo di decodificare un processo 
di contemplazione lento, in conflitto con la trasmissione incessante 
delle immagini che caratterizza il nostro quotidiano. 
La scultura, come una scienza applicata, si interroga sul suo stesso 
esistere e si sviluppa attraverso un percorso artigianale, tecnico e 
progettuale, interferendo nello spazio espositivo su due livelli 
percettivi: il primo è di carattere oggettivo, mentre il secondo è 
determinato dal materiale riflettente che rende le opere catalizzatrici 
di infinite possibilità visive. 
Nella sala centrale, Matteo Negri espone un unico elemento, in acciaio 
lucido, riconducibile ad una scultura modernista, che produce un 
antagonismo tra la sua estetica tagliente e le infinite e morbide 
immagini generate dalla sua superficie riflettente. Frutto di 
un'indagine sul legame tra oggetto e immagine, l'opera è un elemento 
apparentemente disarmonico ma affascinante epicentro di una forma 
iniziale di osservazione. 
Gli altri ambienti della galleria palesano il limite delle superfici 
verticali attraverso lo studio della percezione ottica ed estetica con 
le due serie di opere murali: Kamigami (parola in prestito dal 
giapponese per identificare lo spirito nelle sue accezioni di pluralità, 
ripetizione e infinitezza) e PSA (letteralmente acronimo di “pittura su 
alluminio”). I primi sono piani forati in lamiera dai colori cangianti, 
differenti per dimensione e forma geometrica sul cui bordo riflettono 
infinite prospettive ed immagini; le seconde, invece, sono stickers e 
serigrafie trasposte su una lamina in alluminio che è piano di 
collegamento tra pittura, scultura e fotografia. 
La scalinata di accesso della galleria, così come la prima sala, 
documentano il progetto realizzato per la città di Genova. Attraverso 
lavori che analizzano le architetture e i contesti urbanizzati, 
l'artista indaga la relazione tra spazio comune e immagine condivisa del 
vissuto collettivo. ai lavori che includono l’osservatore, determinandone lo spaes
L'operazione nasce dalla volontà di approfondire il rapporto tra 
scultura e tecnologia, mostrando come nella società virtuale, l'opera 
possa esistere anche privata della sua presenza fisica, come sola 
rappresentazione. 
Un nuovo prezioso libro della collana bilingue, italiano ed inglese, 
ABC-ARTE edizioni, viene dedicato alla mostra. Contiene i testi critici 
del curatore Alberto Fiz e di Lorenzo Bruni, fotografie, approfondimenti 
e la documentazione degli interventi dell'artista che hanno come oggetto 
la città di Genova. 
La mostra, patrocinata dal Comune di Genova, si propone di presentare 
una sintesi della ricerca di un artista italiano che, nonostante la 
giovane età, si è distinto nel panorama dell'arte nazionale e 
internazionale. 
Matteo Negri nasce a San Donato Milanese (MI) nel 1982, vive e lavora a 
Milano. Diplomato in scultura presso l'Accademia di Belle Arti di Brera, 
dal 2003 ha lavorato con numerose istituzioni d'arte in Italia e 
all'estero (tra cui Parigi, Londra e Berlino), realizzando installazioni 
presso gallerie, spazi pubblici, privati e fiere d'arte. La sua ricerca 
artistica si concentra sull'utilizzo di materiali plastici che lavora in 
modo variegato passando dalla pietra alla ceramica alla resina e 
utilizzando colori pop. Le sue opere sono esposte in collezioni 
pubbliche quali la Fondazione Fiera e la Fondazione Bracco di Milano. 
Didascalie fotografie opere allegate 
1)Dettaglio - Matteo Negri, A to Z, 2016, Legno cromato e laccato in acciaio 
specchiato, 160,5x100,5x24 cm. 
2)Matteo Negri, Psa, 2016, installazione ambientale, pigmento acrilico su muro e 
tecnica mista su alluminio, dimensioni variabili. 
3)Matteo Negri, Straight into 10, 2016, stampa flatbed su alluminio, 100x80 cm. 
4)Matteo Negri, Piano Piano, 2016, ferro, cromo liquido e vetro, 165x260x230 cm. 
5)Dettaglio - Matteo Negri, Piano Piano, 2016, ferro, cromo liquido e vetro, 
165x260x230 cm. 
6)Matteo Negri, Navigator #Boccadasse, 2016, stampa lambda su alluminio, 15x22 
cm. 
7)Matteo Negri, Navigator #TeatroCarloFelice, 2016, stampa lambda su alluminio, 
15x22 cm. 
Matteo Negri. Piano Piano 
Inaugurazione Venerdì 11 Novembre ore 18.30-22.00 
11 Novembre 2016 - 11 Gennaio 2017 
Orario: da lunedì a venerdì 9.30 – 13.30; 14.30 – 18.30 
Sabato e Domenica su appuntamento 
ABC-ARTE 
Via XX Settembre 11/A Genova 
T.010.86.83.884 
info@abc-arte.com