ESONERARE IL MONDO. Giorgio Griffa

Il titolo della mostra, "Esonerare il mondo", fa riferimento alla componente filosofico-antropologica rintracciabile nel lavoro dell'artista torinese. I segni tracciati rappresentano l'essenzialità di pensiero e azione.
ABC-ARTE S.r.l, 2015
Bilingual edition 96 pages
Publisher: ABC-ARTE S.r.l
ISBN: 978-88-95618-08-1
Dimensions: 26,5x19,2
Euro28

Esonerare il mondo, mostra personale con il patrocinio del Comune di Genova, è l'omaggio che la galleria ABC-ARTE, dedica a Giorgio Griffa.

Apre, infatti, giovedì 8 ottobre 2015 la personale dell'artista torinese, il cui titolo è desunto da un concetto filosofico di Arnold Gehlen.

La mostra, curata da Ivan Quaroni, raccoglie una ventina di opere che vanno dal 1968 sino al 1978 e che testimoniano una fase cruciale della ricerca dell'artista, piena di scoperte e intuizioni che saranno importanti anche per gli anni a venire.

 

Giorgio Griffa è considerato uno dei maggiori protagonisti dell'astrattismo, esponente fra i più creativi di quella tendenza artistica denominata "Pittura Analitica" o "Pittura Pittura" nata sul finire degli anni Sessanta.

Le opere dell'artista torinese sono tele libere, non "costrette" dal telaio, dove il colore diventa il tramite di un'azione e il segno l'effetto di un pensiero. Si contraddistinguono per la loro essenziale composizione formale: segni, linee, strisce, arabeschi, a volte sfumati, altre a campiture di colore uniforme ma sempre dipinti direttamente sulla tela grezza; una pittura immediata, vivace e luminosa, eseguita senza esitazioni, ma al contempo con grande emozione. Un modo di dipingere che sposta l'accento sugli elementi sostanziali della pittura, come il colore e lo spazio, elementi essenziali della composizione pittorica.

 

Le tele, prive di supporto, sono appese direttamente alle pareti. Questo volontario allontanamento dagli elementi tradizionali della pittura, introduce nelle sue opere un'idea di movimento, ma anche una possibilità di espansione della pittura oltre il perimetro della tela.

Nel suo approccio alla pittura Griffa ha sperimentato il Canone Aureo, affermando che "Da parte sua la pittura porta una lunga memoria di altro da sé. La sezione aurea appartiene a questa memoria. Essa non è soltanto pittura o architettura, essa è matematica, è filosofia; il suo numero che non finisce mai affonda nell'ignoto e posa un ponte con le conoscenze e le emozioni del nostro tempo".

 

Mostra realizzata in collaborazione con Lorenzelli Arte.